[white-text]La sfilata al Pedrocchi ha chiuso la due giorni all’insegna dell’auto come forma d’arte. Ospiti d’eccezione Vittorio Sgarbi e Tom Tjaarda. Best of Show l’Alfa 2500 6C cabriolet Pininfarina.[/white-text]

Un incredibile successo di pubblico e un sole splendido hanno caratterizzato la quarta edizione di [white-text]Stelle sul Liston[/white-text], il concorso di eleganza automobilistica e femminile organizzato dal RIVS. Divise tra Liston e Piazza Eremitani, il pubblico patavino ha potuto ammirare le [white-text]ventisei splendide auto[/white-text] che si sono contese i premi assegnati da una [white-text]doppia giuria tecnica e artistica[/white-text], inedito assoluto per un concorso di eleganza.

Il tema della quarta edizione, [white-text]l’auto d’epoca come forma d’arte[/white-text], è stato affrontato da un quadro eterogeneo di ospiti, provenienti tanto dal mondo dell’arte quanto dal settore automobilistico: [white-text]Vittorio Sgarbi, Giorgio Grasso, Tom Tjaarda, Fabio Lamborghini, Giorgio Andrian e Silvia Nicolis,[/white-text] sono stati tutti concordi a riaffermare lo status di opera d’arte delle vetture partecipanti e, più in generale, delle auto che hanno segnato la storia del motorismo.
Particolarmente apprezzato è stato l’intervento di [white-text]Vittorio Sgarbi[/white-text], a margine della presentazione del libro [white-text]“Best in Show” di Corrado Lopresto[/white-text], il più importante collezionista italiano di auto d’epoca uniche, che ha partecipato al concorso con la pluripremiata [white-text]Alfa 2500 6C Berlinetta Pininfarina[/white-text], vincitrice della menzione speciale per la migliore carrozzeria fuoriserie.

La [white-text]giuria tecnica[/white-text], guidata sapientemente dal designer  [white-text]Tom Tjaarda[/white-text], ha assegnato ulteriori riconoscimenti alla [white-text]Lamborghini Miura S[/white-text] (premio Eccellenza e Memoria), alla [white-text]De Tomaso Pantera[/white-text] (migliore vettura sportiva), all’[white-text]Alfa Romeo Montreal[/white-text](migliore vettura italiana) e alla [white-text]Jaguar MK V cabriolet[/white-text] (migliore vettura straniera). La giuria artistica, che ha seguito un criterio prettamente estetico, ha deciso di premiare la [white-text]Jaguar E-Type[/white-text], per le sue linee equilibrate e seducenti.

La classifica generale, stabilita concordemente dalle due giurie, ha visto trionfare [white-text]l’Alfa Romeo 2500 6C[/white-text] cabriolet Pininfarina, auto stupenda e già protagonista in numerosi concorsi di eleganza. Al secondo posto si è posizionata la [white-text]Delahaye 135 M del Museo Nicolis[/white-text], una delle vetture più apprezzate dal pubblico presente, mentre al terzo posto troviamo la più anziana del concorso, una [white-text]OM 665 Superba SSM[/white-text] del 1928.

Per il concorso di eleganza femminile, sono state premiate [white-text]Giulia Marcato[/white-text] (Miss Arte Fattoretto), [white-text]Anna Pozzato[/white-text] (Miss Photo Recal), [white-text]Elena Marchiori[/white-text] (Miss United Group Franco Curletto), [white-text]Beatrice De Faveri[/white-text] (Miss Jaguar), [white-text]Maria Lisa Skarpa[/white-text] (Miss Eleganza). La fascia più ambita, quella di Miss Stelle sul Liston, è stata invece assegnata a [white-text]Sofia Toson[/white-text], 23 anni, di Ponte San Nicolò.

Il bagno di folla finale, durante la [white-text]sfilata di auto e modelle sul Plateatico del Caffè Pedrocchi[/white-text], ha sancito l’ennesimo successo per una manifestazione che si conferma tra le più originali e interessanti nel panorama nazionale e non solo. Una manifestazione che, stando alle parole di [white-text]Rossano Nicoletto[/white-text], presidente RIVS e organizzatore, vuole crescere ancora. E, viste le premesse, non abbiamo dubbi: la prossima edizione sarà ancora più…stellare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *